CGIL NAZIONALE

TTIP: Camusso, il lavoro non è una merce

La Cgil sarà in piazza per partecipare alla manifestazione nazionale, promossa dalle organizzazioni aderenti alla campagna 'Stop TTIP', contro il Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti e in difesa dei diritti e dei beni comuni, che si terrà il 7 maggio a Roma.

L'appuntamento è alle ore 14.00, in Piazza della Repubblica, punto di partenza del corteo che sfilerà per il centro della città per giungere in Piazza San Giovanni alle ore 15.30, dove sono previsti interventi dal palco e l'esibizione di artisti e gruppi musicali.

Una mobilitazione promossa per denunciare i rischi per i diritti del lavoro, per l'occupazione, per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, per i servizi pubblici e lo stato sociale, insiti nell'accordo di Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (TTIP) che da quasi tre anni si sta negoziando tra Unione Europea e Stati Uniti.

La Cgil domani sarà in piazza nel nome della parola d'ordine fondativa dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro: "Il lavoro non è una merce". "A quasi cent'anni dalla sua formulazione nel 1919 – sottolinea il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che domani parteciperà alla manifestazione – queste parole conservano integralmente il loro elevato valore morale e politico: senza dignità e diritti per il lavoro e per gli uomini e le donne in carne e ossa che lavorano non c'è né vero sviluppo né vera democrazia. A questi valori, che ispirano la stessa Costituzione Italiana e il modello sociale europeo, richiamiamo i governi, i parlamenti e le forze politiche, perché compiano scelte coraggiose e innovative per un'alternativa al fallimento del liberismo dimostrato dalla crisi economica e dalla minaccia di prolungata stagnazione che stiamo vivendo da più di otto anni".

"I sindacati europei e nordamericani – aggiunge Camusso – hanno avanzato critiche e proposte basate sui diritti ambientali, sociali e del lavoro, a partire dalle Convenzioni Oil che la Cgil condivide. Per l'Europa servono politiche economiche e sociali che riaffermino lo stato sociale, pongano fine all'austerità e promuovano il rilancio della domanda interna e la riduzione delle disuguaglianze".

"Si tratta, per il movimento sindacale, ma anche per molte delle altre associazioni critiche, – conclude il segretario della Cgil – di difendere e promuovere nei fatti quel 'modello sociale europeo' che la Commissione afferma ogni giorno di ritenere tra i valori fondanti delle sue strategie negoziali, ma che nega nella pratica del negoziato così come nelle politiche sociali e di bilancio dell'Unione".

Al via raccolta firme per Carta dei diritti

"Dai nuova vita ai diritti, firma la legge di iniziativa popolare per la 'Carta dei diritti universali del lavoro': il nuovo Statuto, patrimonio di dignità e libertà. Lascia un segno nella storia del lavoro, una storia di tutti anche tua". Con queste parole, stampate sulle migliaia di volantini distribuiti dai gazebo allestiti in tutta Italia, la Cgil sta invitando lavoratrici e lavoratori, giovani e pensionati a sostenere la 'Carta', in questa prima giornata di raccolta firme.
Oltre mille le iniziative che si stanno tenendo nelle piazze del Paese, dove i cittadini sono chiamati ad apporre una firma per estendere i diritti a chi non ne ha e riscriverli per tutti, e tre firme per i referendum su voucher, appalti e reintegri.
"Sta arrivando un messaggio straordinariamente positivo. Firmano tante persone, non solo militanti". E' quanto dichiarato dal segretario generale Susanna Camusso dal banchetto di Piazza San Babila, a Milano. "Oggi è iniziato quel viaggio fondamentale per il Paese, un viaggio in cui verranno raccolte le firme per la 'Carta'. Vogliamo ridefinire – ha spiegato – un nuovo diritto del lavoro in cui le tutele e i diritti sono in capo alle persone e non alla tipologia contrattuale. Vogliamo che il Paese torni a mettere al centro il lavoro e il suo valore come unica ricetta possibile per uscire dalla stagnazione in cui ci troviamo". "La firma di un cittadino e di una cittadina è la forza di noi tutti – ha concluso – la prima ragione per sottoscrivere la proposta di legge sulla carta dei diritti è offrire all'Italia un'altra strada di politica economica, inclusione, dignità e libertà".
Tutta la segreteria nazionale della Cgil sta partecipando a questa prima giornata di raccolta firme: Serena Sorrentino a Torino, Fabrizio Solari a Napoli, NinoBaseotto a Bolzano e a Trento, Danilo Barbi a Bologna, Gianna Fracassi a Genova, Vera Lamonica a Firenze, Franco Martini a Follonica e a Castiglion della Pescaia (Grosseto).
La campagna per i quesiti referendari proseguirà fino all'8 luglio, mentre quella per la Carta terminerà l'8 ottobre. Sul sito della Cgil sarà possibile trovare l'elenco delle sedi dove si potrà firmare.

Carta diritti universali: documento approvato

Oltre 41mila assemblee, il 98.49% dice sì alla proposta di legge

Mercoledì 23 marzo serata evento al Monk di Roma

Di seguito il documento conclusivo approvato dal Comitato Direttivo della Cgil riunitosi oggi a Roma.
Il documento è stato approvato senza nessun voto contrario e con sei astenuti.

Il Comitato Direttivo della Cgil, riunito a Roma il 21 marzo 2016, valuta positivamente l'andamento e la conclusione della consultazione straordinaria delle iscritte e degli iscritti alla Cgil sulla proposta di "Carta dei diritti universali del lavoro – Nuovo Statuto di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori", in applicazione dei deliberati del Comitato Direttivo del 18 febbraio e 14 dicembre 2015.

Le assemblee svolte (41.705) sono l'indice di uno sforzo politico ed organizzativo senza precedenti, che ha coinvolto l'insieme dell'Organizzazione ed un rilevante numero di non iscritti e non iscritte; un grande fatto di democrazia e partecipazione che conferma il radicamento senza eguali del Sindacato confederale nella Società italiana.

Il Comitato Direttivo ringrazia tutte le Strutture ed i militanti della Cgil che, con il proprio impegno e lavoro, hanno reso possibile un tale risultato.

Il Comitato Direttivo ringrazia altresì tutti i giuristi che, con professionalità e dedizione, hanno collaborato alla stesura della "Carta dei diritti".

I due quesiti posti in consultazione, sui quali si sono espressi col voto 1.466.697 iscritte ed iscritti alla Cgil, hanno fatto registrare una larghissima maggioranza di favorevoli: il 98,49% per quanto riguarda l'approvazione della "Carta dei diritti" ed il 93,59% per quanto concerne il mandato al Comitato Direttivo della CGIL di definire quesiti referendari utili a sostenere il percorso per la trasformazione della "Carta" in legge.

Pertanto, in coerenza con il mandato ricevuto dalle iscritte e dagli iscritti, il Comitato Direttivo della Cgil approva il testo della Proposta di Legge di iniziativa popolare "Carta dei diritti universali del lavoro – Nuovo Statuto di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori" ed i tre quesiti referendari – i cui testi allegati fanno parte integrante del presente O.d.G. – aventi per oggetto i seguenti temi:

Cancellazione del lavoro accessorio (Voucher), Reintroduzione della piena responsabilità solidale in tema di appalti, Nuova tutela reintegratoria nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo per tutte le aziende al di sopra dei cinque dipendenti.

La scelta referendaria, a carattere eccezionale e straordinario, è coerente ed è unicamente finalizzata al sostegno della Proposta di Legge di iniziativa popolare che la Cgil avanza con la "Carta", che è e rimane il cuore e la finalità dell'iniziativa decisa dalla Cgil.

Il Comitato Direttivo decide, quindi, l'avvio alla raccolta delle firme per la presentazione della Proposta di Legge e dei tre quesiti referendari.

La raccolta delle firme avrà inizio il prossimo sabato 9 aprile e si concluderà venerdì 8 luglio per quanto riguarda i quesiti referendari e sabato 8 ottobre per ciò che concerne la "Carta dei diritti universali del lavoro".

Il Comitato Direttivo impegna tutte le Strutture al massimo sforzo politico ed organizzativo per garantire una raccolta delle firme capillare, sia nei luoghi di lavoro, sia nel territorio, tale da supportare l'iniziativa della Cgil con un numero di firme certificate significativamente superiore a quello richiesto e capace di preservare l'autonoma iniziativa della Cgil.

In questo senso, fondamentale è sviluppare una coerente ed efficace campagna di informazione e comunicazione, a sostegno della quale tutte le Strutture – a partire dalle Camere del Lavoro – sono impegnate nel successo della sottoscrizione nazionale rivolta a tutti coloro che riterranno utile concretizzare anche così il proprio fattivo apporto alla #SfidaxiDiritti che la Cgil ha lanciato.

La campagna della raccolta delle firme sarà l'occasione per sviluppare, a partire da Cisl e Uil, ogni possibile interlocuzione con istituzioni, associazioni ed organizzazioni sociali, politiche, culturali e dovrà essere accompagnata in ogni territorio da iniziative pubbliche tese ad ampliare la conoscenza dei contenuti, il dibattito attorno ad essi ed a coagulare un ampio e fattivo consenso attorno alla nostra proposta, anche attraverso lo sviluppo della contrattazione inclusiva.

Attraverso questa iniziativa, la Cgil riafferma la propria determinazione a riconsegnare centralità al lavoro, al suo valore, come risorsa imprescindibile per il Paese e per realizzare l'obiettivo degli Stati Uniti d'Europa.

Camusso, rinnovo alimentare punto alto mediazione

"Una notizia finalmente positiva, la dimostrazione che imprese e sindacati sanno trovare punti alti di mediazione nell'interesse dei loro associati e dell'intero Paese". Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, commenta Il rinnovo del contratto per i lavoratori del settore alimentare.

"Il suo impianto - sottolinea il leader della Cgil è coerente con la proposta avanzata da Cgil, Cisl e Uil di relazioni industriali e di nuovo modello contrattuale. È la migliore dimostrazione di come la nostra proposta si adatti ai tempi e, soprattutto, alle esigenze dei lavoratori e del sistema imprenditoriale italiano".

"L'accordo - aggiunge Camusso- è importante, non solo per il riconoscimento economico ai lavoratori che è stato pattuito, ma anche per gli elementi innovativi in esso contenuti, primi fra tutti gli elementi di partecipazione dei lavoratori alle scelte aziendali. È un contratto che dimostra, ancora una volta, l'insostituibilità del contrato nazionale a cui va affiancato un secondo livello aziendale.
Di grandissimo rilievo aver incluso nel contratto norme di regolazione per il lavoro stagionale, un primo passo verso l'inclusione nelle tutele di tutti i lavoratori a prescindere dalla loro forma contrattuale, e l'attenzione data alle discriminazioni di genere.
Innovativi sono poi gli elementi di protezione dei lavoratori, sia nel caso delle flessibilità contrattuali (part-time, telelavoro), sia per coloro vicini alla pensione che, malauguratamente perdono il lavoro".

"Mi auguro ora - conclude Camusso - che anche negli altri settori si possa procedere ai rinnovi contrattuali ancora aperti, a cominciare da quello della ristorazione che ieri ha scioperato. L'alta adesione che si è avuta testimonia il coraggio delle lavoratrici e dei lavoratori che non vogliono arrendersi e vogliono continuare a lottare per vedere riconosciuti i loro diritti. È tempo di riconoscere la loro professionalità e il loro valore aggiunto a un servizio efficiente e di qualità. Come per il settore alimentare è giunto anche per loro, e per tutti gli altri lavoratori in attesa da tempo, di rinnovare i loro contratti, e per il sistema delle imprese di tornare a rispettare il lavoro"

Pa: Cgil, su licenziamenti tanto rumore per nulla

In decreto partecipate analogie con caos Province, a rischio 100 mila lavoratori. "Tanto rumore per nulla. Dopo giorni trascorsi tra propaganda e strumentalizzazione, il governo ha prodotto un ennesimo intervento legislativo quando invece, per combattere il deprecabile fenomeno dell'assenteismo ingiustificato nella Pa, sarebbe bastato fornire alle parti datoriali, come avevamo chiesto da tempo, delle semplici e vincolanti indicazioni". Così la Cgil e la Fp Cgil commentano il decreto legislativo della riforma Madia in materia di licenziamento varato dal Consiglio dei ministri.

"In attesa di leggere i testi, infatti, - precisano in una nota confederazione e categoria - ciò che rileviamo nelle parole del premier Renzi è il passo indietro fatto dal governo dai licenziamenti alle sospensioni in 48 ore, insieme ad una stretta dei tempi e alla licenziabilità dei dirigenti. Cose che si sarebbero potute fare attraverso una semplice circolare interna". Cgil e Funzione Pubblica Cgil ribadiscono inoltre che: "Licenziare nella Pa è possibile, come le recenti decisioni assunte a Sanremo e il caso di Tolmezzo risolto in pochi giorni dimostrano, per gli assenteisti ingiustificati è doveroso, ma il governo ha preferito montare un caso mediatico ad arte, parlando alla pancia del paese. Finendo così di produrre nuove norme, invece di fornire alle parti, sindacati e Aran, indicazioni per affrontare in maniera risoluta e definitiva la questione".

Quanto invece al provvedimento sulle società partecipate, Cgil e Fp Cgil affermano: "Il decreto, per quanto apprendiamo, presenta una inquietante analogia con la vicenda, caotica e tutt'altro che risolta, dell'abolizione delle Province. Non solo non è chiaro come il governo possa determinare una riduzione delle società da ottomila circa a mille ma, allo stesso tempo, è palese il rischio che poco meno di 100 mila lavoratrici e lavoratori di società partecipate, che non siano Spa o Srl, si ritrovino senza lavoro. Vale in questo caso ribadire come il sindacato non difenda in alcun modo fannulloni e assenteisti ingiustificati, elementi sui quali il governo ha imbastito una campagna di propaganda, oscurando al contempo, in un assordante silenzio, il serio rischio che centomila persone si ritrovino, da un giorno all'altro, senza posto di lavoro", conclude la nota.

Intervista a Susanna Camusso sul 'Quotidiano Nazionale'

In una intervista al 'Quotidiano Nazionale' il segretario generale della Cgil: "i contratti spettano alle parti sociali, il governo pensi a rinnovare l'intesa sul pubblico"

Segretario Susanna Camusso, è vero che domani, di fronte a 5 mila delegati della Cgil, presenterete a Bologna una proposta di carta di diritti fondamentali dei lavoratori per cambiare il Jobs act e reintrodurre l'articolo 18?
«Noi avviamo una consultazione straordinaria degli iscritti della Cgil su una proposta di legge di iniziativa popolare per ricostruire i diritti universali dei lavoratori, indipendentemente dal rapporto contrattuale che hanno. Tutti, lavoratori dipendenti e autonomi, devono avere i fondamentali diritti del e nel lavoro. Devono poter usufruire del riposo, della maternità, della formazione, degli ammortizzatori, della proprietà intellettuale e della tutela giuridica».

Allora come è nato l'equivoco che volete il reintegro per i licenziamenti illegittimi?
«C'è una forte tentazione di leggere tutto questo come l'anti-Jobs act. Noi vogliamo essere molto più ambiziosi, pensare al futuro, riscrivere l'intero diritto del lavoro. L'insieme delle leggi e delle apparenti deregolazioni intervenute negli anni non hanno dato frutti. Forse bisogna ricostruire un punto di universalità dei diritti per tutti i lavoratori. C'è bisogno di diritti che permettano a ognuno di essere un lavoratore non subalterno ma subordinato».

Domani Cgil, Cisl e Uil presentano anche l'intesa raggiunta sul nuovo modello contrattuale. Renzi ha detto "sbrigatevi o ci pensa il governo". Cioè sarà lui a definire un salario minimo contrattuale.
«Come il presidente del Consiglio sa, noi siamo pronti. Forse parlava a Confindustria. Resta il fatto che le democrazie considerano il modello di relazioni industriali una prerogativa delle parti sociali, non l'oggetto dell'intervento del governo. Peraltro, sarebbe bene che lui iniziasse a fare la sua parte rinnovando i contratti pubblici».

Renzi dice che ci sono troppi sindacati.
«L'articolo 39 della Costituzione prevede che l'iscrizione al sindacato sia libera, quindi è il volere e la libertà dei lavoratori a decidere quanti sindacati ci sono».

Molti osservatori sostengono che il sindacato è arrivato a una intesa unitaria solo per non farsi scavalcare dal governo... 
«Osservatori che hanno uno sguardo strabico. Non si discute mai l'oggetto dei conflitti. Il problema per loro è solo misurarsi sulle dichiarazioni di Renzi».

Federmeccanica vuole superare la centralità del contratto nazionale spostando tutto sul contratto aziendale, ma introduce forme di welfare integrativo. «La Federmeccanica sostiene che gli aumenti contrattuali valgono per il 5% dei lavoratori. E l'altro 95%? E poi tutto il sistema di previdenza complementare e la sanità integrativa stanno nei contratti da lungo tempo. Possono rientrare nella contrattazione aziendale. Quel che non va bene è sostenere che essendoci contrattazione sul welfare, non c'è più bisogno del salario».

Se la Confindustria risponde picche alla proposta sindacale che cosa accade?
«Le relazioni industriali dipendono dal confronto tra le parti, che richiede tempo e può determinare conflitto. Bisogna costruire delle mediazioni. Noi siamo convinti che occorra più partecipazione, non più esclusione».

La vostra proposta di modello contrattuale cosa può portare in termini di produttività e di aumento di ricchezza?
«L'obiettivo è di redistribuire ricchezza verso il lavoro».

Per il sindacato il contratto nazionale disegna anche i paletti per il contratto aziendale. Non è un po' troppo?
«E' sempre stato così. La contrattazione di primo livello ha una funzione regolatoria. Serve all'insieme del sistema, evitare dumping al suo interno e alle aziende per capire l'insieme dei costi».

In tempi di inflazione zero, le imprese minacciano di riprendersi i soldi dati in più con i contratti. E' un rischio reale?
«Diciamo che è un tentativo per non dare aumenti».

Prevedete che a determinare gli aumenti contrattuali d'ora in poi sarà un indicatore macroeconomico. Quale?
«Pensiamo a una pluralità di indicatori, a una serie di parametri che considerano la produttività nazionale e su fattori economici di distribuzione del reddito».

HINWEIS! Unsere Website verwendet die Cookies, um ein besseres Surfen zu ermöglichen. Die Cookies, die wir verwenden, erlauben uns, die Besuche auf anonyme Weise zu zählen, und gestatten uns in keiner Weise, Sie direkt zu identifizieren.

Klicken Sie auf ICH STIMME ZU, um diese Information zu schließen, oder vertiefen Sie das Thema in Cookie – komplette Datenschutzerklärung.

ICH STIMME ZU

Im Sinne des Art. 13 des GvD 196/2003 – „Datenschutzkodex“ liefern wir Ihnen einige Informationen bezüglich der Verwendung Ihrer personenbezogenen Daten.

Nachfolgend die Datenschutzerklärung von cgil-agb.it . Sie enthält alle Informationen, die Sie haben sollten, um die Website beruhigt benützen zu können und beim Surfen eventuelle Daten im vollen Bewusstsein liefern zu können.

Auf jeden Fall teilen wir Ihnen schon jetzt mit, dass keine sensiblen Daten verarbeitet werden.

Inhaber der Verarbeitung und Anwendungsbereich

Die vorliegende Datenschutzerklärung gilt ausschließlich für das Surfen auf der Website der cgil-agb.it (nachfolgend kurz „Website“), erreichbar unter der Internet-Adresse http://www.cgil-agb.it und ordnungsgemäß von CGIL-AGB / via Roma 79 / 39100 Bolzano - IT registriert.

Inhaber der Verarbeitung der eingesammelten Daten ist CGIL-AGB in der Person des gesetzlichen Vertreters, dessen Daten schon zuvor angeführt wurden.

Quelle der personenbezogenen Daten

Die Programme, die für den Betrieb dieser Website verwendet werden, könnten im Laufe des normalen Betriebes einige Daten von Ihnen erheben (die entsprechende Übermittlung ist durch die Verwendung der Kommunikationsprotokolle von Internet bedingt), die Ihnen aber nicht direkt zuteilbar sind.

Zu den gesammelten Daten gehören zum Beispiel und ohne Anspruch auf Vollständigkeit die IP-Adresse, die Domäne und der Browsertyp der Computer, von denen aus die Website aufgerufen wird, die URL-Anschriften (Uniform Resource Identifier) der erforderlichen Betriebsmittel, die Uhrzeit der Anforderung, das Verfahren für die Weiterleitung der Anforderung an den Server, die Größe der Datei der darauf erhaltenen Antwort, der nummerische Kode über den Status der Antwort vom Server (Ausgang, Fehler, etc.) und weitere Parameter, die das von Ihnen verwendete Betriebssystem und den Informatikbereich betreffen.

Diese Daten ermöglichen auf keinen Fall, auf Ihre Identität zurückzuschließen und gelten daher als anonym.

Besondere Quellen der personenbezogenen Daten sind in den spezifischen, nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen einzelner Dienste der Website oder der entsprechend für den guten Betrieb verwendeten Software angegeben.

Zweck der Verarbeitung

Die Sie betreffenden Daten werden in anonyme Daten umgewandelt und in zusammengesetzter Form zu statistischen Zwecken sowie zur Gewährleistung der Dienstkontinuität und der Verbesserung der Website verarbeitet.

Sollten Sie mit diesem Verfahren nicht einverstanden sein, bitten wir Sie höflichst, nicht auf dieser Website zu surfen und auch nicht deren Dienste zu beanspruchen.

Die IP-Adresse könnte in einigen Fällen zum ausschließlichen Zweck verwendet werden, Angriffe auf die Website sowie im Sinne der geltenden Gesetze rechtswidrige Tätigkeiten zu blockieren.

Besondere Verarbeitungszwecke sind in den spezifischen, nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen einzelner Dienste der Website oder der entsprechend für den guten Betrieb verwendeten Software angegeben.

Modalitäten für die Verarbeitung der Daten

Die von Ihnen gelieferten und von der Website erhobenen Daten werden nur für den streng erforderlichen Zeitraum verarbeitet.

Sie werden elektronisch verarbeitet und zu den oben genannten Zwecken zusammengelegt.

Besondere Verarbeitungsmodalitäten sind in den spezifischen, nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen einzelner Dienste der Website oder der entsprechend für den guten Betrieb verwendeten Software angegeben.

Freiwillige Angabe

Zwecks Surfen auf der Website ist nicht die Mitteilung von personenbezogenen Daten, sondern nur der anonymen und für oben genannte Zwecke erforderlichen Daten notwendig.

Bestimmte Bereiche der Website erfordern jedoch die Errichtung eines Zulassungsprofils und die informatische Authentifizierung, um aufgerufen werden zu können. Die Errichtung des Profils bedingt die Mitteilung von personenbezogenen Daten, zusätzlich zu den anonymen Daten, die für das einfache Surfen notwendig sind.

Diese Daten werden ausschließlich dazu verwendet, die eventuell beantragten Dienste zu gewährleisten, und gemäß den spezifisch erstellten und nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen verarbeitet.

Personen oder Kategorien von Personen, die Zugang zu den Daten haben oder von ihnen Kenntnis erlangen könnten (d)

Der direkte Zugang zu Ihren Daten ist ausschließlich dem hier angegebenen Inhaber der Datenverarbeitung gestattet.

Lieferant des Hosting-Dienstes ist Studio Creating Gen. – Galilei-Straße 2/E – 39100 Bozen  - IT; sie könnte potentiell ausschließlich aus technischen und dringenden Gründen, die einen Eingriff zur Wahrung der Funktionalität und der Sicherheit der Website erfordern, Zugang zu den Daten haben.

Weitere Dienste werden oder können von anderen Betrieben angeboten werden. Informationen dazu sind in den nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen jedes einzelnen Dienstes enthalten.

Rechte des Betroffenen (Artikel 7)

Wichtig ist auch, dass Sie über Folgendes informiert sind: Der Datenschutzkodex gewährleistet den Betroffenen die Möglichkeit, bestimmte Rechte gemäß Art. 7 des Datenschutzkodex, den wir nachfolgend zur Gänze wiedergeben, auszuüben.

Artikel 7 des „Datenschutzkodex"

Die betroffene Person hat das Recht, Auskunft darüber zu erhalten, ob Daten vorhanden sind, die sie betreffen, auch dann, wenn diese noch nicht gespeichert sind; sie hat ferner das Recht, dass ihr diese Daten in verständlicher Form übermittelt werden.

Die betroffene Person hat das Recht auf Auskunft über

- den Zweck und die Modalitäten der Verarbeitung; das angewandte System, falls die Daten elektronisch verarbeitet werden;

- die wichtigsten Daten zur Identifizierung des Rechtsinhabers, der Verantwortlichen und des im Sinne von Artikel 5 Absatz 2 namhaft gemachten Vertreters;

- die Personen oder Kategorien von Personen, denen die personenbezogenen Daten übermittelt werden können oder die als im Staatsgebiet namhaft gemachte Vertreter, als Verantwortliche oder als Beauftragte davon Kenntnis erlangen können.

Die betroffene Person hat das Recht,


- die Aktualisierung, die Berichtigung oder, sofern interessiert, die Ergänzung der Daten zu verlangen;


- zu verlangen, dass widerrechtlich verarbeitete Daten gelöscht, anonymisiert oder gesperrt werden; dies gilt auch für Daten, deren Aufbewahrung für die Zwecke, für die sie erhoben oder später verarbeitet wurden, nicht erforderlich ist;


- eine Bestätigung darüber zu erhalten, dass die unter den Buchstaben a) und b) angegebenen Vorgänge, auch was ihren Inhalt betrifft, jenen mitgeteilt wurden, denen die Daten übermittelt oder bei denen sie verbreitet wurden, sofern sich dies nicht als unmöglich erweist oder der Aufwand an Mitteln im Verhältnis zum geschützten Recht unvertretbar groß wäre.

Die betroffene Person hat das Recht, sich ganz oder teilweise


- der Verarbeitung personenbezogener Daten, die sie betreffen, aus legitimen Gründen zu widersetzen, auch wenn diese Daten dem Zweck der Sammlung entsprechen;

- der Verarbeitung personenbezogener Daten, die sie betreffen, zu widersetzen, wenn diese Verarbeitung zum Zwecke des Versands von Werbematerial oder des Direktverkaufs, zur Markt- oder Meinungsforschung oder zur Handelsinformation erfolgt.

Cookies

Teil dieser Website verwendet Cookies; das sind Textdateien, die von der Website in Ihrem Computer hinterlegt werden, um untersuchen zu können, wie die Benutzer die Website zum Austausch von Informationen zwischen Server und Benutzer verwenden.

Über Cookies werden keine wichtigen Daten ausgetauscht. Sie ermöglichen die Automatisierung bestimmter Abläufe und ersparen Ihnen somit komplexe Verfahren; außerdem sind sie manchmal für die korrekte Funktionsweise der Website unentbehrlich.

In den Cookies, die von cgil-agb.it und den von ihr beanspruchten Diensten geschaffen werden, werden keine personenbezogenen Daten gespeichert, die ermöglichen könnten, auf Ihre Identität zu schließen. Sie stellen keine Gefahr für Ihre Privatsphäre oder für die Integrität der Computersysteme dar, die Sie für den Zugang zu Internet bzw. zur Website verwenden.

Falls Sie mit diesem Verfahren nicht einverstanden sein sollten, können Sie die Cookies auf Ihrem Browser desaktivieren; dies könnte jedoch das Surfen auf der Website erschweren.

Daten, die eventuell von den Cookies mit den oben angegebenen Modalitäten gesammelt oder aufbewahrt werden, werden nicht an Dritte weitergeleitet, sofern dies nicht für die korrekte Betriebsweise der von der Website oder von Dritten an die Website gelieferten Dienste erforderlich sein sollte.

Spezifische Informationen über den Einsatz der Cookies sind in den nachfolgend angeführten Datenschutzerklärungen der spezifischen Dienste angeführt.

Ergänzungen zur vorliegenden Datenschutzerklärung

Mit Bezug auf die spezifischen Dienste, die der Website und/oder Ihnen von der Website angeboten werden, wurden spezifische Datenschutzerklärungen erstellt, die ganzheitlicher Bestandteil der vorliegenden allgemeinen Datenschutzerklärung sind.

Nachfolgend die Links zu den Datenschutzerklärungen der spezifischen Dienste:

Datenschutzerklärung über die Nachverfolgung der Besuche  (Google Analytics)